Ulrichshof

Bavarian forest, Germania
Architetti
noa* network of architecture
Anno
2014
Costo
Non dichiarato
Piani
1-5 Piani

noa* (network of architecture) ripensa l’hotel familiare Ulrichshof e trasforma la fattoria in uno spazio di esperienza per bambini e genitori.
"C’era già tutto, ma sparso in modo caotico oppure nascosto tra bosco, maso e albergo esistente."
- Stefan Rier

Attraverso un’analisi olistica, il gruppo di architetti, designer, psicologi, fashion designer e product designer si e ́avvicinato al progetto. “C’era già tutto, ma sparso in modo caotico oppure nascosto tra bosco, maso e albergo esistente”, racconta Stefan Rier del gruppo noa*, e spiega che alle parti mancava solamente la connessione.
La vecchia fattoria di famiglia, la foresta Bavarese, un luogo molto speciale, una struttura stratificata e il fiuto per scovare i segreti nascosti hanno incuriositi Lukas Rungger e Stefan Rier. Insieme al loro “network of architecture”, noa* hanno sviluppato un concetto sostenibile per il futuro.
“Durante la fase concettuale abbiamo speso ore e ore, vagando nei boschi, seduti nei fienili e studiando le immagini aeree del complesso”, racconta Lukas Rungger. Erano dei momenti stimolanti. L’oscurità della foresta ci ha fatto vivere momenti intensi e ci ha insegnato storie di volpi, di fate e di fantasmi.

ARCHITETTURA E INTERIOR DESIGN FORMANO UN’UNITÀ CONTRASTATA
La foresta Bavarese è cornice narrativa per tutto il complesso. I volumi architettonici della fattoria fingono come bastione attorno alle nuove forme architettoniche. noa* ha aggiunto uno slancio di contemporaneità agendo sempre con il massimo rispetto: nessuno dei volumi supera l’altezza degli alberi del bosco circostante.

L’ENERGIA DEL LUOGO COME RUOLO PRINCIPALE
noa* reinventano l’albergo del Ulrichshof: i due architetti Lukas Rungger e Stefan Rier creano solamente una nuova tribuna alle storie vissute nel luogo ma che sono stati rimasti segreti cosi al lungo. Le facciate di vetro nella lobby e nel corridoio che collega vecchio e nuovo lasciano dissolvere il volume dell’edificio e porta la foresta al primo piano. L’essenza della foresta Bavarese forma la base del concetto creativo per gli interni. Allo stesso momento è anche la base per la messinscena magica delle fiabe e saghe. I segni delle Tracce degli animali che vivono la foresta segnano un percorso lungo ogni camera d ́albergo e si ritrovano su armadi.

FIABE SENZA KITSCH E POMPOSITÀ
"Per esprimere il mondo profondo delle fiabe non c’è bisogno d’elementi superflui."
- Diana Gallmeier, psicoanalista
“Bambini hanno bisogno di fiabe”, questo è il titolo del libro di Bruno Bettelheim che ha ispirato l’interior design. “Per esprimere il mondo profondo delle fiabe non c’è bisogno d’elementi superflui” dice Diana Gallmeier, psicoanalista di Monaco, che ha lavorato con noa* per questo progetto.
La parte centrale del complesso, la lobby diventa una costruzione di ponticelli e sentieri sovrastato e sorretto dalle forme organiche dell’architettura. Alberi tipici della foresta Bavarese immergono architettura e interior design e portano la foresta al centro dell’ensemble.
L’arredamento è spesso una conseguenza del lavoro del collettivo noa*: tende, lampade e divani sono ispirati dalla magia dei dintorni. Formano il collegamento e invitano l’ospite a trasformare ogni momento in un’esperienza unica.

Progetti collegati

  • Claridenhütte Urnerboden SAC
    Leutwyler Partner Architekten
  • In centro, Hotel Pupp
    bergmeisterwolf architekten
  • Mikos Castle Hotel
    Földes Architects
  • Grosspeter Tower
    ZPF Ingenieure AG
  • Hotel MOOONS - Smarter Luxus mit Lifestyle
    MOSER ARCHITECTS

Rivista

Altri progetti di noa* network of architecture

Seehof
Naz-Sciaves
Valentin #2
Castelrotto
Apfelsauna
Saltusio
Hubertus Pool
Geiselsberg
Am Steinbruch
Renon
Tofana
San Cassiano