Abitare nel quartiere EUR a Roma

Roma
Architettura, Italia, Site-specific, Roma
Visualizzazione © Flooer
Architettura, Italia, Site-specific, Roma
Visualizzazione © Flooer
Architettura, Italia, Site-specific, Roma
Visualizzazione © Flooer
Architettura, Italia, Site-specific, Roma
Visualizzazione © Moreno
Architettura, Italia, Site-specific, Roma
Visualizzazione © Moreno
Architettura, Italia, Site-specific, Roma
Visualizzazione © Moreno
Architettura, Italia, Site-specific, Roma
Visualizzazione © Moreno
Architettura, Italia, Site-specific, Roma
Visualizzazione © Moreno
Architetti
ARW Associates
Indirizzo
Roma, Roma
Costo
Non dichiarato
Piani
Non dichiarato
Team
Arch. Maddalena Gatti, Arch. Laura Avarello
Committente
Borgosesia Spa

Il progetto prevede la demolizione di una delle abitazioni unifamiliari di Largo dell’Artide, all’interno del quartiere romano EUR, trasformata negli anni Ottanta in un edificio post-moderno adibito a uffici. Obiettivo del progetto è costruire un’architettura in grado di relazionarsi al luogo.

L’edificio dispone dieci appartamenti su quattro livelli (piano terra incluso) ed è caratterizzato da due poligoni irregolari interconnessi al centro dal vano scala e di distribuzione. I due elementi presentano tre appartamenti per piano: un quadrilocale nella porzione a sud e due trilocali in quella a nord.
Gli alloggi presentano affacci est ovest per le zone giorno, mentre la zona notte è principalmente rivolta verso nord. Una delle specificità dell’edifico è che tutti gli appartamenti si affacciano verso le logge, per permettere di non avere mai serramenti in facciata e modulare l’architettura come fosse un volume scavato.

L’intervento ha un carattere di stampo romano, sia sul piano materico che formale: la costruzione in laterizio in pasta gialla e il travertino sono rimandi alla tradizione locale e la forma, fatta di volumi articolati dall’impianto poligonale, si ispira alla ricerca del barocco capitolino. Il progetto opera anche sulla riqualificazione dello spazio esterno eliminando la porzione attualmente asfaltata e trasformandola in un giardino piantumato, in modo da restituire una maggior permeabilità al suolo e mettersi in relazione con l’ampia vegetazione esistente, che impedisce la proiezione dei raggi solari sulle facciate a causa dell’altezza.

Uno dei temi più importanti riguarda i materiali da costruzione: la struttura è pensata in calcestruzzo con laterizi di tamponamento ad alto isolamento e listelli di cotto in pasta giallo dal formato allungato incollati sulla facciata come rivestimento esterno. In corrispondenza dei marcapiani, si prevedono fasce di travertino non stuccato che separano i corsi di mattoni. L’interno presenta una finitura di cartongesso che, lavorando come contro parete, permette i passaggi impiantistici in totale discrezione. I pavimenti delle logge sono di travertino, come i pavimenti degli spazi comuni e le scale, mentre i serramenti sono di legno di rovere chiaro come i rivestimenti interni delle logge.

Progetti collegati

  • Herman Miller National Showroom
    Krueck Sexton Partners
  • The Ark, Condominiums
    Form4 Architecture
  • SFMOMA Rooftop Garden
    Jensen Architects
  • Kokoris Residence
    Jensen Architects
  • Turner Duckworth Offices
    Jensen Architects

Rivista

Altri progetti di ARW Associates - Botticini + Facchinelli

Un’idea di città giardino contemporanea a Stezzano
Stezzano
Un chiostro urbano
Curno
Alps Villa
Brescia
Claw House
Cremignane, Brescia
Abitare a Brezzo di Bedero
CTM Rixheim 1
Rixheim , Francia