Giardino di campagna

Alessandria
Foto © Alberto Strada
Foto © Alberto Strada
Foto © Alberto Strada
Foto © Alberto Strada
Foto © Alberto Strada
Foto © Alberto Strada
Foto © Alberto Strada
Foto © Alberto Strada
Foto © Alberto Strada
Foto © Alberto Strada
Architetti
deamicisarchitetti
Sede
Alessandria
Anno
2017
Costo
Non dichiarato
Piani
Non dichiarato
Cliente
privato
Team
deamicisarchitetti

Una casa colonica, un garage e un prato incolto in leggera pendenza sono gli elementi preesistenti di una proprietà con un piccolo parco in mezzo alle colline del Gavi. Una pavimentazione in traversine di legno posate con una tessitura che sembra un ricamo, una tettoia in ferro e formelle di cotto che ospita un soggiorno all’aperto, una biopiscina in pietra posizionata in modo tale da governare il cambio delle pendenze del terreno e infine un cerchio di prato rasato perfettamente in piano nel centro di un campo fiorito inclinato, sono gli interventi architettonici messi in atto.
Il progetto intende costruire una nuova molteplicità di luoghi e di definire una processualità di usi ben identificati che si sommano alle funzioni già esistenti.
Ognuno di questi interventi non risolve solo un problema pratico ma si fa carico di assolvere, anche sotto il profilo formale, il compito di rappresentare adeguatamente il nuovo uso: il tema dell’ingresso è quindi rappresentato dalla preziosità della trama romboidale del pavimento dell’area compresa tra il cancello e la casa, quello dell’ospitalità è incarnato dal riparo e dal comfort offerto dal nuovo “podio”, il tema del benessere e del loisir è invece espresso dalla naturalezza con cui la biopiscina si insedia letteralmente tra le pieghe del paesaggio, ed infine il cerchio nel prato ci proietta in una scala territoriale più grande dove l’intervento geometrico assume un valore poetico nel rappresentare fisicamente la relazione tra artificio e natura. Il lavoro sulle preesistenze (sia quelle edilizie che quelle vegetali) è di importanza centrale in questo progetto in quanto esse sono assunte come dei vincoli cui attribuire o negare valore, e, alla fine, è proprio questo livello interpretativo che ha guidato le scelte architettoniche. Il filare di alberi viene enfatizzato dalla nuova pavimentazione, mentre l’incerto volume del box a cui si aggancia la tettoia è in pratica neutralizzato e assorbito in una nuova architettura che diventa il fulcro di tutta la composizione. La biopiscina invece, è orientata in modo tale da avere come terminale il pioppo più significativo per dimensione e posizione.

Progetti collegati

  • ARCHIPELAGO - Spiretec, New Dehli
    MONOLAB architects
  • Fresh Pond
    Carlos Brillembourg Architects
  • Continuing House
    Akio Nakasa / Naf Architect & Design
  • Wohnhaus Reinhof
    Architekten Hermann Kaufmann
  • Wangjiang Park
    KI Studio

Rivista

Altri progetti di deamicisarchitetti

Locanda La Raia
Gavi (AL)
Casa di mezza montagna
Borgiallo (TO)
Digital Entity workspace Roma
Roma
Casa sul tetto
Milano
Casa sul parco
Milano
Borgo Merlassino
Novi Ligure (AL)