Edificio Industriale

Gorizia
Visualizzazione © corde architetti archivio
Gli edifici industriali sono l’architettura funzionale per eccellenza e, se al netto del loro eventuale valore storico architettonico non sono più in grado di funzionare al meglio, devono essere sostituiti. Si ritiene quindi più sostenibile investire risorse pubbliche in un nuovo edificio industriale che utilizza le più attuali tecnologie, piuttosto che spenderle per mantenere un fabbricato che non ha più le caratteristiche per rispondere alle attuali esigenze. Questo approccio di sostituzione non comporta minor attenzione alla sostenibilità: a partire dalle strategie di demolizione, passando per la definizione del layout dimensionale, sino ad arrivare alle scelte di collocazione e di contenimento energetico, le ipotesi considerate mirano a raggiungere una sostenibilità estesa che trova compimento non solo nei materiali e nella tecnologia, ma anche nelle modalità insediative impostate secondo un’ottica di medio-lungo periodo, tenendo conto dei possibili sviluppi dell’intero comparto.
L’intero capannone ha una pavimentazione in calcestruzzo armato adatto ai carichi pesanti in discreto stato di conservazione. La copertura è stata recentemente oggetto d’intervento di manutenzione ed ha comportato la bonifica del cemento amianto, la posa di nuova copertura in lamiera d’alluminio, l’apertura di nuovi lucernari e la sostituzione dei serramenti già presenti; sono riscontrabili, in alcuni punti, infiltrazioni dalla copertura probabilmente in corrispondenza dei lucernari. A parte qualche punto di degrado superficiale dei pilastri e delle pannellature di rivestimento sia all’esterno che all’interno, ed il degrado dell’isolamento termico dei tiranti di copertura, non si ravvedono particolari criticità. I serramenti sono da sostituire in gran parte avendo vetrate rotte in più punti, fenomeni di ruggine e degrado nei telai e nelle cerniere. L’impianto elettrico presente in minima parte dell’immobile è in pessimo stato di conservazione e non riutilizzabile.
Foto © corde architetti archivio
L’edificio per uffici è in pessimo stato di conservazione, il controsoffitto è crollato in più punti ed è presente acqua all’interno, con tutta probabilità filtrata dalla copertura (che quindi ha problemi di impermeabilizzazione) o dai serramenti. La casa del custode e le tre rimesse appaiono in discreto stato di conservazione. I piazzali in cemento, o asfalto, appaiono anch’essi in buono stato, presentano però fenomeni di crescita spontanea di vegetazione che ha comportato la fessurazione e la rottura degli strati superficiali. Lungo via Gregorcic è presente, sul lato interno, una fascia a prato con pini marittimi mentre, sul lato a sud, vi è un’ampia zona non pavimentata coperta da prato, dove sorge anche una collina composta da terreno di riporto e detriti edili. In seguito all’acquisto dell’immobile, il Consorzio di Sviluppo Economico Locale di Gorizia ha provveduto ad effettuare i lavori esterni di urbanizzazione primaria per la suddivisione in tre lotti, costruendo due nuovi ingressi, l’anello antincendio e l’impianto d’illuminazione dei piazzali.
Foto © corde architetti archivio
La zona comprende aree nelle quali sono insediate attività produttive ed aree libere che il piano intende destinare al completamento del polo produttivo. Gli obiettivi del piano sono: • consolidare e migliorare le condizioni insediative degli impianti esistenti; • incentivare la localizzazione di nuove attività produttive; • consentire il completamento delle previsioni insediative; • favorire la localizzazione di servizi alle attività produttive; • razionalizzare l’assetto della viabilità interna alla zona in funzione delle nuove previsioni infrastrutturali del piano.
Visualizzazione © corde architetti archivio
Il progetto individua 3 lotti di differenti superfici, tutti con doppio accesso carrabile grazie alla creazione di una strada lungo il confine sud, sfruttando quindi l’accesso già realizzato.
Visualizzazione © corde architetti archivio
Architetti
Corde Architetti
Sede
Gorizia

L’area di studio è interamente compresa all’interno dei confini amministrativi del Comune di Gorizia e ricade nelle aree produttive d’interesse regionale del Comune. La zona si colloca nella parte sud-est del territorio comunale, delimitata a nord dalla frazione di S. Andrea, a est dalla linea ferroviaria Gorizia-Trieste, a sud dal centro abitato del Comune di Savogna d’Isonzo ed, infine, a ovest dal fiume Isonzo.

L’oggetto del presente Progetto di Fattibilità si compone di un’area scoperta su cui sorge un edificio industriale più alcuni annessi, collocato nella zona industriale di Gorizia all’incrocio tra via Gregorcic e via del S. Michele. Dopo un’attenta valutazione della possibilità di ristrutturare gli immobili esistenti, si è deciso di procedere con la completa demolizione dei fabbricati e la costruzione di un primo fabbricato industriale in uno dei tre lotti in cui verrà suddivisa l’area.
Tale decisione appare come la scelta più sensata da molteplici punti di vista:

• i fabbricati esistenti presentano notevoli carenze dal punto di vista strutturale;

• i costi di adeguamento sarebbero onerosi e porterebbero ad una tipologia edilizia poco performante rispetto ai fabbricati industriali contemporanei;

• dal punto di vista dimensionale, i fabbricati esistenti presentano delle notevoli limitazioni in altezza non risolvibili con gli adeguamenti;

• gli eventuali ampliamenti, possibili grazie alla disponibilità di volumetria edificabile, porterebbero ad un edificio con tecnologia costruttiva ibrida;

• dal punto di vista energetico, un eventuale passaggio di classe energetica esporrebbe a costi superiori rispetto alle attuali tecniche costruttive, penalizzando l’investimento finanziario.

Progetti collegati

  • Gemeindebetriebe Bonaduz/Rhäzüns, Forst- und Werkhof Crest Ault
    Walter Bieler AG
  • Paul Reinhart Dreifach-Sporthalle
    Walter Bieler AG
  • Lifestyle Finland
    Lien Tran Interior Design
  • The Wellness Loft
    Lien Tran Interior Design
  • AESOP SHINJUKU
    CASE-REAL / KOICHI FUTATSUMATA STUDIO

Rivista

Altri progetti di Corde Architetti

Casa VRRD
Pordenone
Una stanza per Freya
Asolo
Uffici PRFLPS
Cadoneghe
IPSE Center
Roma
Casa PLS
Roveredo in Piano