Installazioni, elementi di interior e product design, ma soprattutto ricerca

Alla Design Week, prodotti versatili per l’ufficio del futuro

Francesca Fradelloni, PPAN
21. September 2021
“Vespetta” di Staygreen - Design by robertopamio+partners

L’arredo per uffici al centro di questa edizione post pandemica del Supersalone 2021. Con l’emergenza sanitaria si sono accesi i riflettori sul mondo del lavoro e i suoi spazi, e negli showroom milanesi è finito in mostra l’approccio innovativo alla realizzazione dei luoghi del lavoro contemporanei. Una nuova strada intrapresa attraverso l’applicazione di alcuni principi del cosiddetto resimercial design.

Una tendenza che sta prendendo sempre più piede anche in Italia, basata sull’idea di trasferire nell’ufficio la comodità e il comfort degli ambienti residenziali, dando così vita a forme ibride di workstation su misura per le persone, con mood e funzioni d’uso fino ad oggi inedite. Un approccio esperienziale, come si racconta nel libro di interviste uscito proprio durante la Milano Design Week. “Dal Workplace alla Worksphere”, (edizione Franco Angeli) scritto da Il Prisma (società internazionale di architettura e design, con Dna italiano) e HRC (la più grande comunità di responsabili di risorse umane d’Italia) si interroga sul nuovo ruolo degli spazi aziendali, esplorando le recenti evoluzioni dei modi di lavorare. Si tratta della prima ricerca di questo genere effettuata in Italia, e il design riassegna allo spazio nuovi assi relazionali capaci di definire l’idea di ambiente di lavoro restituendogli un ruolo nuovo e centrale per lavoratori e organizzazione.

Cortesia Mascagni

Al Supersalone e al fuorisalone le soluzioni sono state infinite. Tra le tante, sono state presentate le novità di Mascagni Ufficio, acquisite recentemente nel portafoglio di brand di Mezzalira investment group (Mig), con particolare attenzione alle certificazioni acustiche che ad esempio posizionano oggi l’iconica parete ALLinONE SLIM fra le proposte più competitive sul mercato. Fra i principali traguardi conseguiti di recente dall’azienda bolognese, il rinnovamento in ottica green della serie Work Station: la struttura è stata infatti alleggerita, rendendola facilmente disassemblabile e riducendone di conseguenza l’impatto sull’ambiente. È tornato a essere in primo piano anche durante la Design Week di settembre, Bomm di Sitland, disegnato da Adrian Blanc, sistema modulare di sedute e accessori che garantisce privacy, comodità e condivisione per tutte le esigenze, e in ogni momento della giornata. La sua versatilità gli permette di adattarsi facilmente anche ai contesti lavorativi più diversi, indoor o outdoor, risultando particolarmente indicato per le aree di passaggio o di attesa. Durante la Milano Design Week, sono state presentate anche le ultime novità di Office&Co, storico brand del settore office e parte integrante di Sinetica Industries.

O.meet, cortesia Sinetica Industries

Con una logica del tutto moderna troviamo un capitolo dedicato ai contenitori O.BOX, indispensabili strumenti per organizzare lo spazio e gestire le risorse, e uno più trasversale dedicata alla zona meeting con il programma O.Meet. Il rinnovamento di gamma, oltre alla conferma del sistema Love, si rafforza con la presentazione di Up che interpreta in chiave moderna l’archetipo delle scrivanie operative: oggi pensate per un ufficio contemporaneo

Smartworking in ottica di riuso e sostenibilità, è invece, il mood di “Vespetta” di Staygreen, con un design di Robertopamio+partners. La postazione di lavoro si trasforma in un unico elemento compatto e funzionale, rispettando rigorosamente i minimi funzionali necessari. Pensata per musei, hotel, università, banche e spazi comuni. Un design che viaggia verso un futuro migliore.

Other articles in this category