Filosofia
Conformismo, prevaricazione formale e distacco dalla realtà sono le caratteristiche dell'architettura contemporanea. Insieme al senso di colpa nei confronti della forma e della bellezza. La meraviglia, lo stupore sono gli elementi propri della poetica italiana ed europea. La creazione di meraviglia e di stupore da parte dell'architettura non ha niente a che fare con la ricerca di consenso e di spettacolarità del contemporaneo. Più esattamente la creazione di meraviglia è lo strumento per raggiungere la conoscenza del reale. Ecco lo scopo. Ritornare a vedere la realtà. E, per quanto la realtà del territorio, delle città, degli uomini sia difficile e dolorosa, il dovere dell'architettura è di non rinunciare a immaginare un futuro. Migliore. Anche romanticamente. La negazione del reale, l'atteggiamento che da blasè diviene cinico, proprio dell'architettura contemporanea, dev'essere sconfitto. Questa battaglia, etica e culturale, sarà combattuta attraverso un'architettura che sia invenzione specifica, che nasca, con libertà, dal contesto e dalla storia. Il suo linguaggio è libero e contemporaneo. C'è una cosa che dobbiamo ammettere: non si può avere un'altra infanzia oltre a quella che si è vissuta. La nostra generazione di architetti ha negli occhi il dolore della violenza sul territorio e del suo oblio. Non può credere che lo sviluppo coincida con il progresso. Può però credere che l'unica identità possibile sia quella plurale che caratterizza il nostro continente, dove non è mai stata immaginabile un'uniformità di linguaggio. Questo è il ruolo dell'Europa nella modernità e nella contemporaneità: il lavoro sull'identità plurima, capace d'invenzione nello specifico attraverso edifici che siano macchine della percezione, che usino lo stupore e la meraviglia come strumenti di conoscenza.
Partner
Alfonso Femia
Gianlucca Peluffo
Simonetta Cenci
Collaboratori principali
Stefania Bracco
Gabriele Filippi
Domenica Laface
Daniele Marchetti
Raffaella F. Pirrello
Alessandra Quarello
Francesca Recagno
Ilaria Sisto
Sara Traverso

Lorenza Barabino
Emanuela Bartolini
Annalisa Beghelli
Alessandro Bellus
Luca Bonsignorio
Paola De Lucia
Sara Gottardo
Sara Massa
Emanuele Mondin
Valeria Parodi
Carola Picasso
Luca Pozzi
Nicola Spinetto
Giovanna Stella
Laura Vallino
Fondazione
2005
Collaboratori
43
Settori di specializzazione
Architettura
Urbanistica